mappa_sinistra
foto_pianta
 

"In una selva oscura..." a Modena il 14 marzo il Convegno nazionale dell'Ordine degli Agronomi

Nella sala Conferenze del Museo Casa Enzo Ferrari una giornata dedicata al futuro della forestazione urbana per una gestione sostenibile dal punto di vista ambientale ed economico. "In una selva oscura..." a Modena il 14 marzo il Convegno nazionale dell'Ordine degli Agronomi Gli interventi di forestazione pubblica urbana e periurbana realizzati nel recente passato comportano oggi rilevanti oneri manutentivi, difficilmente sostenibili anche a causa della recente crisi economica.

 

Lo scopo del Convegno è quello di approfondire le specificità paesaggistiche, biologiche ed ecologiche della foresta urbana per individuare soluzioni gestionali che consentano una riduzione dell’impegno finanziario da parte della Pubblica Amministrazione e, nel contempo, possano fare della stessa foresta urbana un luogo multifunzionale, nel quale attività produttive e sociali possano coesistere e concorrere al suo mantenimento.

L'evento è organizzato con il patrocinio del Consiglio dell’ordine nazionale dei dottori agronomi e dei dottori forestali, di Rete Città Sane, del Ministero dell'Ambiente, della Regione Emilia Romagna e della  Provincia di Modena

Sponsor Principale: Assoverde

Sponsor Oro: Banca Popolare dell'Emilia Romagna

Media Partne: Acer

Sponsor tecnico: Vestire il paesaggio

 

PROGRAMMA (aggiornato al 28 gennaio 2014)

9,00 Registrazione dei partecipanti

9,30 Saluti delle Autorità:

Simona Arletti, Assessore all’Ambiente del Comune Modena
Rossana Zari, Vice Presidente CONAF (Consiglio Nazionale dell’Ordine Dottori Agronomi e Dottori Forestali)


10,00 Introduzione
Pietro Natale Capitani, Presidente Ordine Dottori Agronomi e Dottori Forestali di Modena

PARTE 1 – GLI ECOSISTEMI FORESTALI NELLA GOVERNANCE DEL PAESAGGIO

Modera
Antonio Brunori, Responsabile rapporti internazionali Unaga

10,15 Marco Paci
Professore ordinario Università di Firenze - Dipartimento di Gestione Sistemi Agrari, Alimentari e Forestali (GESAAF)

La foresta urbana e il paesaggio
Il paesaggio agro-forestale - tendenze generali dei cambiamenti paesaggistici in Italia a
partire dal dopoguerra ed aspetti legati alla biodiversità.
Impatto delle pratiche selvicolturali sui paesaggi ed effetti della rinaturalizzazione
spontanea.
Aspetti visivi e sociali legati ai cambiamenti.

10,55
Marco Dinetti
Responsabile nazionale Lipu di Ecologia urbana.

La foresta e la biodiversità urbana
Biodiversità urbana: fenomeno dell’inurbamento della fauna selvatica, servizi ecosistemici e funzioni sociali della natura nelle città, panorama delle conoscenze acquisite in Italia con attenzione particolare per l’avifauna.
Casi-studio: censimenti ornitologico-faunistici presso il Bosco di Marzaglia (MO) ed il Parco di Compensazione del Mella (BS) gestito da Autostrade Centro Padane.
Ecologia stradale (road ecology): attraversamenti faunistici in relazione alle infrastrutture di trasporto (stradali e ferroviarie) ed al recupero della connettività con la rete ecologica locale.

11,35 Enrico Calvo
Dirigente ERSAF- Progetto Life EMONFOUR


La valutazione degli effetti della foresta urbana e periurbana sulla conservazione e
sull’incremento della biodiversità, sulla capacità di mitigazione delle temperature e di
sequestro della CO2 e sulla loro influenza nella conservazione del suolo e nella qualità della vita nelle comunità locali.

PARTE 2 – ESPERIENZE ITALIANE DI GESTIONE DELLA FORESTA URBANA

12,10 Paolo Miglietta
Comune di Torino - Dipartimento Grandi Opere del Verde.

Una gestione innovativa del patrimonio arboreo torinese;
Il patrimonio forestale della città (soprattutto collinare e fluviale) nei grandi progetti in atto di valorizzazione storico-ambientale e nelle nuove politiche rivolte al turismo sostenibile ed alla mobilità ciclabile.

12,50 Silvio Anderloni
Direttore del Centro Forestazione Urbana Italia Nostra


Esperienza del “Boscoincittà”, la gestione diretta del territorio vantaggi economici e
gestionali del modello e modalità ed esperienze di partecipazione diretta dei cittadini ai lavori di gestione.
13,30 – 14,20 Pausa buffet

PARTE 3 – UN CASO-STUDIO: ANALISI E IPOTESI PER LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLA FORESTA URBANA NEL COMUNE DI MODENA

Modera

Graziano Martello, Consigliere Conaf, Coordinatore Dipartimento Sistemi Montani e Foresta

14,30 Comune di Modena
Giuseppe Amorelli, Settore Ambiente e Protezione Civile: Illustrazione del patrimonio forestale del Comune di Modena. Analisi delle sue caratteristiche e problematiche manutentive

15,00 Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali di Modena
Marilena Po: Criteri generali per una corretta e razionale gestione delle aree forestali periurbane.

Eraldo Antonini: Le funzioni potenziali espresse dalla foresta urbana:
Miglioramento della qualità ambientale;
Attività produttiva (selvicolturale e agricola);
Attività didattica e ricreativa.

16.00 Imprenditoria / Cooperazione Sociale

Vladimiro Aldo Longoni, Assoverde: Global service: una possibilità per la
gestione della foresta urbana.
Giovanni Mondani, Consorzio Solidarietà Sociale di Modena: Esperienze e proposte di attività selvicolturali, agricole e sociali nella foresta urbana.

17,00 Dibattito

17,30 Chiusura lavori

bottone_verde login