mappa_sinistra
foto_pianta
 

L’oscar della salute 2014 va a Modena con il “progetto di responsabilità sociale di impresa contro il GAP”

Premiazione avvenuta il 12 Aprile a Molfetta all’interno dell’XII Meeting Nazionale della Rete Città Sane OMS. Altri riconoscimenti ai Comuni di Sacile, Foggia, Arezzo e Milano

Un progetto di comunità tra pubblico e privato per contrastare il gioco d’azzardo patologico all’interno degli esercizi commerciali di Modena, associando il contrasto alla dipendenza dal gioco alla coscienza civica ed ecologica: “il progetto” commenta l’Assessore alle attività economiche del Comune di Modena, Stefano Prampolini – partendo dal riconoscimento del gioco d’azzardo come una sorta di “droga senza sostanza” oggi riconosciuta come patologia nei Livelli essenziali di assistenza, cerca di mettere insieme diversi strumenti per contrastarlo. Il progetto culmina con il coinvolgimento di chi è a contatto con il pubblico quotidianamente, cioè i gestori dei pubblici esercizi, bar, ristoranti e trattorie, a cui abbiamo chiesto un'assunzione di responsabilità. Lo abbiamo fatto con un segno di riconoscimento, il marchio “Etico e Tipico” che ha visto al fianco del Comune le associazioni del commercio. Il marchio “Etico e Tipico” viene assegnato alle attività che, condividendo una “carta etica” di dieci punti, si distinguono adottano comportamenti socialmente responsabili per la salute, la comunità e l’ambiente”.Questo il progetto che ha vinto l’Oscar della Salute 2014, il riconoscimento della Rete Città Sane O MS per il miglior progetto di promozione della salute realizzato da un’amministrazione comunale italiana. Il premio prevede anche un riconoscimento in denaro di 2000 euro. La premiazione è avvenuta a Molfetta il 12 aprile all’interno del XII Meeting Nazionale della Rete Città Sane OMS dal titolo “La resilienza delle comunità per promuovere salute: aprirsi a nuovi stili di vita”. Le menzioni speciali sono andate ai Comuni di: Sacile con il progetto “Accessibilità a sacile” per la dimensione di valutazione “partecipazione e coinvolgimento dei cittadini”; Foggia con il progetto “La medicina narrativa in ospedale” per la dimensione di valutazione “Originalità e innovazione”; Arezzo con il progetto “La casa diritta, centro per la promozione e la tutela dei diritti di bambini, adolescenti e famiglie” per la dimensione di valutazione "Trasferibilità"; Milano con il progetto “A casa lontani da casa” per la dimensione di valutazione “Rilevanza delle attività”. Tutti i progetti saranno pubblicati sul sito della Rete: www.retecittasane.it

Diciotto progetti hanno partecipato agli Oscar della Salute 2014 e i responsabili della valutazione sono stati i referenti del Comitato Tecnico della Rete Città Sane OMS con la supervisione della Dott.ssa Bianca Maria Carlozzo, consulente scientifica della Rete. Le aree di valutazione erano quattro: innovazione e originalità del progetto, partecipazione e coinvolgimento dei cittadini, trasferibilità e replicabilità del progetto, rilevanza del progetto.

L’appuntamento con il prossimo bando è per dicembre 2014.

Rete Nazionale Città Sane OMS - Nata nel 1995 e composta, ad oggi, da oltre settanta città italiane, la Rete è una delle iniziative promosse dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), per aiutare le città a diffondere la consapevolezza della salute pubblica, sviluppare le politiche locali ed i programmi sanitari, prevenire e superare le minacce ed i rischi per la salute, anticipare le sfide future.

 

Nella foto, l'Assessore Rodolfo Faldini del Comune di Pavia, vicepresidente della Rete, Premia l'Assessore Prampolini del Comune di Modena

 

 

Scarica le presentazioni dei progetti vincitori

Presentazione generale degli OSCAR

Presentazione del Progetto di Modena che ha vinto  il primo premio

Presentazione del Progetto di Sacile (coinvolgimento dei cittadini)

Presentazione del Progetto di Milano (rilevanza delle attività)

Presentazione del Progetto di Arezzo (trasferibilità)

Presentazione del Progetto di Foggia (innovazione)

bottone_verde login